Home News Aprilia Ditech e GameBoy, la leggenda della rimappatura

Aprilia Ditech e GameBoy, la leggenda della rimappatura

by Filippo Roccio

L’anno è il 2004, non c’è il libretto delle assenze in digitale, la tipa che ti piace ti ha scritto una dedica sul diario e il bulletto della classe, alle 9:40, ha già fatto volare un astuccio dalla finestra dell’aula di chimica. Era il tuo astuccio.

Sto mercoledì, però, non hai voglia di entrare a scuola, allora tu e il tuo migliore amico decidete di tagliare (far sega,  fuga, bigiare, vedete un po’ voi come si dice dalle vostre parti) bellamente e andare in un baretto di un paesino vicino, tanto siete in giro in motorino, le possibilità sono infinite.

Vi prendete un Estathè, fate un paio di partite a Metal Slug X e si fanno le 10:30, l’ora dell’intervallo in tutte le scuole, da sempre e per sempre. Montate sui vostri potentissimi mezzi e andate fuori dalla recinzione del liceo linguistico (gettonatissima meta di pellegrinaggio degli adolescenti, vista l’esorbitante sproporzione femminucce/maschietti) che sta a poche centinaia di metri dal baretto.

Vi parcheggiate lì fuori, cavalletto laterale, scooter inclinato contro ogni legge della fisica, vi accendete la siga e le figliole si avvicinano. Non capiscono molto di scooter, però sanno che l’SR50 con la scritta “DiTech” è l’equivalente di “benessere economico” e, guarda caso, è proprio il dueruote nuovo fiammante con cui sei arrivato a fare il galletto.

Ora, cosa c’entra il GameBoy con le sbarbine di seconda superiore? Niente, era un clickbait.

Il GameBoy c’entra con il sistema DiTech di Aprilia, il primo sistema ad iniezione (e quindi centralina elettronica) per noi precoci Noriyuki Haga che abbiamo incendiato le strade delle province di mezz’Italia, al suono di affermazioni millantevoli come “ha ventinove cavalli!”, “fa i centonovanta all’ora!” e via discorrendo che nemmeno lo ZIP SP ufficiale Malossi.

Di tante affermazioni poco plausibili ce n’era una che suonava veramente stupida e farlocca, al punto di averla fatta diventare quasi una barzelletta; una di quelle cose che sembrava una “ammiocuggino” e che il cretino in questione avesse viaggiato troppo con la fantasia.

La barzelletta in questione è che si poteva “rimappare” la centralina del DiTech con il GameBoy, usando una cassettina speciale che “eh ma non la puoi comprare, è tipo una cosa solo di Aprilia”.


Era una verità parziale: la cassettina in questione non poteva essere acquistata da noi comuni mortali ma solo dalle officine autorizzate dalla casa di Noale, cosa che ha sicuramente contribuito a rendere questa faccenda una specie di leggenda metropolitana. La parte meno vera di questa verità parziale è che questo strumento non serviva a rimappare la centralina dell’Aprilia SR DiTech ma era uno strumento di diagnosi, come quello che potete trovare in qualunque officina al limite della decenza.

L’unico modo in cui si potesse intervenire sulle performance del piccolo gruppo termico era rimuovendo il limitatore di giri, scelta sempre azzeccata nel momento in cui si decidesse di puntare su un rebuild completo, dall’albero alla testa, per poter disporre di tutto il range di potenza possibile, senza necessariamente andare a toccare i parametri del mezzo.
Il trucco era molto semplice: bastava accendere la console Nintendo, accedere al menù sviluppatori ed eliminare le restrizioni imposte dalla casa madre, per rispettare le normative anti inquinamento (con tanto di disclamer annunciante il fatto che il mezzo non sarebbe più stato omologato per la circolazione su strada, fatto che ci porta a dire “Novanta la paura! ci stiamo cacando sotto!” cit. W.Shakespeare).


Il guadagno su un motore originale non era esattamente ridicolo, giacché si poteva contare su altri 2.000rpm in aggiunta agli 8.000 cui veniva limitato in origine, per un picco di circa 10.000 giri, a rischio e pericolo dell’utente; con un kit motore completo, si dice, si potesse aspirare anche ai 12.000rpm (se aveste testimonianze a riguardo fateci sapere ma non fate gli ammiocuggini, che vi sgamiamo).

L’aura leggendaria di questo mistero è sempre stata motivo di scherno nei confronti di chi effettivamente sapeva dell’esistenza di questa metodologia di intervento sui motori Aprilia, non c’era l’internet di oggi per poter verificare e confrontare le informazioni e soprattutto non c’erano i tutorial di Aranzulla.

Mi raccomando, tenete gli scooter originali e state lontani dalle multe per tentato decollo! Io vado a farmi una partita al GameBoy, voi invece potreste farvi un giro nel nostro store!

E questi li hai letti?

3 comments

Avatar
Enrico 5 Maggio 2020 - 22:02

Ho avuto questo mezzo alla tenera età di 14 anni, Aprilia sr 50 Ditech con livrea di Harada, rosso nero con cerchi blu… comprato nuovo di zecca, prestazioni d tutto rispetto, consumava la metá d tutti gli altri scooter in circolazione, tempo 6 mesi e non è più andato come doveva, candela KO e trovarne una d ricambio era impossibile secondo il venditore/ricambiata, messa una classica ma ogni mese cioccava quindi da buttare, ancora non so x quale motivo, dopo 1 anno dall’acquisto ha cominciato a lasciarmi a piedi un’infinità di volte, si bruciava un fusibile dell’alimentazione, poi trovato il problema è andato bene x 1 mese e dopo di che, nuovo problema con l’iniettore, non si sa bene il perché , dopo 5 minuti d utilizzo si spegneva d netto e dovevo attendere circa 15 minuti che si raffreddasse e ripartiva, dopo ulteriori mesi nuovo problema con la batteria che mi lasciava sempre a piedi! Venduto per disperazione dopo 2 anni dal suo acquisto . Esperienza totalmente negativa per me!

Reply
Avatar
Matteo 16 Luglio 2020 - 21:51

In quegli anni lavoravo presso un concessionario piaggio Honda a napoli come meccanico e meccatronico quindi corsi piaggio a Pontedera e Honda a roma,.
Ricordo il corso ditech ,si perché il motore era sviluppato e costruito da piaggio, e ricordo il famoso Gameboy ,anche se per l officina comprammo la diagnosi specifica venduta dalla stessa casa madre.
Comunque per non tirarla per le lunghe , questa tecnologia insieme all’iniezione pneumatica meccanica della vespa et2 50 erano i peggiori sistemi di civilizzazione del 2 tempi. Imprecisi ,noie e rotture a gogò.
Ecco che poi piaggio sviluppò il 4t.
Però che tempi ,peccato non poter ritornare indietro

Reply
Avatar
Stefano 7 Agosto 2020 - 13:39

Il motore piu inaffidabile della storia.
Dalle mie parti su di lui aleggiava tipo una maledizione e quando uno comprava un SR si andava subito a vedere se “aveva la pedalina o no”, e in caso non fosse stata presente, si metteva in guardia lo sfortunato possessore

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi