Home Storie Minardi Day – La Formula Uno di una volta

Minardi Day – La Formula Uno di una volta

by Il direttore

Non sono mai stato a vedere un gran premio dal vivo ma ricordo benissimo quando, nel Febbraio del 2000, mio padre mi portò a Fiorano a vedere lo shakedown della F1 2000 con al volante Schumacher. Fu la prima volta in vita mia in cui vidi una macchina da Formula uno dal vivo ed il ricordo è ancora indelebile nella mia testa e nel mio cuore. Eravamo appollaiati ad un cancello in fondo ad una strada laterale del circuito e ricordo che il silenzio della campagna modenese venne rotto all’improvviso da un lamento cupo e grave…una specie di BUOOOOOOOO. Poi la macchina iniziò a muoversi e questo lamento si trasformò in un latrato sempre grave e cupo, ma più alto…tipo OOOOOEEEEEEE…forse il motore era sì e no a 6000 giri….il tempo di farmi venire la pelle d’oca che Schumi iniziò a pestarci come si deve. Tutt’ora ho i brividi lungo la schiena, tutt’ora ricordo la faccia emozionata e commossa di mio padre. Nulla ci avrebbe mai potuto preparare alla trasformazione: salendo di giri verso l’infinito il latrato si trasformò nell’urlo di una divinità, nell’urlo più alto e folle che abbia mai sentito. Per quel che ne so il motore avrebbe potuto esplodere ma invece il Numero 1 continuava a snocciolare marce, a guidarla come se la volesse rompere.

 Dio quanto mi manca tutto questo. I motori ululanti, le macchine belle e anche lui, Schumacher.

Formula-uno

Tornando a noi, alla voce Formula 1, wikipedia recita:

“La Formula 1 o Formula Uno, in sigla F1, è la massima categoria (in termini prestazionali) di vetture monoposto a ruote scoperte da corsa su circuito definita dalla Federazione Internazionale dell’Automobile.”

Bene, che a livello prestazionale siano il top non lo mette in dubbio nessuno ma credo che, da buon figlio degli anni ’90, la Formula 1 sia anche rumore, tanto rumore.  Ho passato anni interi a guardare le gare di F1, spesso noiose e scontate, solo per aspettare i camera car e sentire quei motori gridare come dei forsennati. Poco prima del ritorno ai motori turbo c’è stato un breve periodo in cui i motori arrivavano a girare a 21000 giri. Non riesco nemmeno a pensarci a quanti siano, provo a ripeterlo: ventunomilagirialminuto…no non ci riesco, mi sbiella il cervello.

Partendo da questo presupposto, noi di Rollingsteel.it siamo stati al Minardi Day ad Imola e, nel 2016, abbiamo avuto la grandiosa opportunità di ritornare, per una giornata soltanto, a quei gloriosi tempi. Questo è quel che abbiamo visto e…sentito.

E questi li hai letti?

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi