Home Storie Vieni che ti faccio vedere la mia collezione di farfalle

Vieni che ti faccio vedere la mia collezione di farfalle

by Il direttore

Venerdì sera. Non è ancora primavera ma nemmeno più inverno, insomma si sta bene.

Bicchiere di vino in mano, luci gialle e calde, la testa leggera, la lingua veloce.

Tanta gente attorno, alcuni chiacchierano, altri sentono, certi si guardano attorno.

Uno sguardo, una distanza che si accorcia, parole non dette, occhi che dicono tutto.

La serata prosegue, la magia cresce con la tensione fino al momento decisivo, capire dove si va, dare un senso a quel che si fa.

In passato spesso sono stato invitato a salire; a bere un bicchiere di vino, ad ascoltare un disco, a non far finire la serata. Le scuse per salire sono tante, la più classica fra tutte è quella della collezione di farfalle. Purtroppo lo stile non lo vendono, per fortuna lo stile non lo vendono.

Ve la diamo noi la collezione

Oggi su rollingsteel vi presentiamo una collezione davanti alla quale ognuno di voi farebbe una tendina di bava, una di quelle collezioni per le quali salireste in casa di chiunque anche al costo di finire come nell’ultimo capitolo di Pulp Fiction.

Siamo riusciti a strappare una visita nella casa di un grande collezionista di auto d’epoca, moderne, da competizione e persino di Formula 1. Roba tosta. Una collezione spettacolare sotto tutti i punti di vista… l’unico piccolo dettaglio è che la sua collezione di auto è composta per la maggior parte di modelli in scala. No, non sto parlando di quella che prestate al cinno che vi viene a riparare la tapparella, ma di scala 1:43, 1:24, 1:18, 1:12, 1:10 e persino 1:8 (che vuol dire una riproduzione appena 8 volte più piccola della macchina vera, roba che potrebbe andare in moto).

Oggi qui si parla di modellismo, quello duro e puro, di notte intere passate a correre dietro ai dettagli e a rendere unico ogni modello.

Il gentile signore che ci ha ospitato stasera è da 40 anni che colleziona e realizza con cura maniacale modellini di auto. Le cifre sono sconosciute; sicuramente più di 1000 modelli in scala; tutti di grande pregio. C’è un’area dedicata alle Ferrari, un’altra alle Lamborghini, poi il santuario Porsche ed intere vetrine dedicate alle vetture di Formula Uno.

Un vero spettacolo per gli occhi, a veder sta roba si torna bambini come quando si appannava la vetrina del negozio di giocattoli per vedere la Ferrari F40 della Bburago tanto desiderata.

E proprio di F40 in questa collezione se ne contano parecchie, di diversa scala e diverso pregio. Questa di sicuro è la è la più rappresentativa di tutte, estremamente dettagliata e rifinita… Se fosse inserita in un diorama non ci si accorgerebbe di nulla!

Visitando inoltre “l’Officina”  dove tutta la magia avviene, si nota un’altra scocca molto familiare alla vista. E’ un’altra Ferrari F40, modello realizzato dalla Pocher, una delle migliori aziende al mondo per la realizzazione di modelli in scala, come anche AutoArt, Kyosho, Tamiya e tutti quegli altri nomi strani che noi appassionati di modellismo vedevamo sulle scatole impilate negli scaffali dei negozi di modellismo.

 “Questa la sto modificando, diventerà una F40 Challenge, come quelle che correvano al tempo” ci dice il nostro amico collezionista, già proprietario della stupenda Alfa Romeo SZ (già fotografata e che vedremo a breve). Mentre ci parla, ci mostra un libro sulla F40, uno dei tantissimi che ha comprato per documentarsi sulla macchina e realizzare un modello il più perfetto possibile, qui siamo enormemente oltre all’apparenza di giocattolo che hanno queste macchinine.

Stando dentro questa mansarda, piena di giornali di auto tutti meticolosamente messi in ordine, depliant, premi di gare di regolarità per auto d’epoca e di cimeli automobilistici, mi rendo conto di quanto la passione per l’automobilismo sia fantastica. Per il nostro amico, che nella sua vita ha posseduto dei ferri mica da ridere, questa collezione è tutto ciò che può avvicinarsi al sogno di possedere queste auto nella vita reale. Ci dice di aver guidato delle F40 e di essersene innamorato, e coltiva il suo amore per questa vettura nel modellismo, quasi romantico.

Anche le Alfa Romeo sono ben radicate nel suo cuore, ne sono la prova questi stupendi modelli di 33 Stradale, a suo giudizio l’auto più bella mai costruita. Ci sono talmente tante cose da vedere e raccontare che si potrebbero perdere giorni a parlarne. Tutta la stanza trasuda passione pura, per le auto, per il modellismo, per la cura dei dettagli. E fa piacere che ci siano persone che coltivano una passione del genere.

Un’ultima chicca che ci propone è in assoluto il modello più pregiato della sua collezione che è… un motoscafo. Più precisamente un motoscafo da corsa, un  motoscafo con motore Ferrari! Questo modello è venduto a cifre esorbitanti, e quello che vediamo qui è semplicemente assurdo. Interni rivestiti in pelle vera, motore curato in ogni dettaglio, legno vero, lavorato e levigato alla perfezione, verniciatura degna dei migliori carrozzieri. In poche parole, un vero capolavoro!

E voi, ci salireste a vedere questa collezione?

E questi li hai letti?

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi