Signori, DI BRUTTO Volume Uno

de Il direttore

“Non chi comincia, ma quel che persevera”
Leonardo Da Vinci, motto della nave scuola della Marina Militare Amerigo Vespucci

Più tosto, più ricco, più figo, in una due parole, DI BRUTTO.

A sei mesi esatti dalla pubblicazione del primo DI BRUTTO Volume Zero, abbiamo raccolto le innumerevoli opinioni sul volume, abbiamo ascoltato chi l’ha apprezzato ma ancora di più chi l’ha criticato, abbiamo analizzato i punti deboli e quelli vincenti di quel primo esperimento editoriale targato rollingsteel e oggi, dopo mesi di lavoro folle, ecco a voi DI BRUTTO Volume Uno, da oggi disponibile al preordine* QUI.

Quello che state per mettervi in mano non è un magazine, non è un giornale e non è nemmeno un libro: è un’esperienza, è un tuffo in un mondo fatto di benzina, di personaggi folli, malati di meccanica e di velocità, di perfezione e di azzardo, di amore e di passione, folle, viscerale, malata per tutto ciò che è “macchina”.

Sfogliando, assaporando, sorseggiando, leccando le 144 pagine pagine di DI BRUTTO Volume Uno verrai trascinato in un’esperienza sensoriale distillata dal più folle e viscerale amore per per le cose veloci e losche, tutta quante, da quelle che galleggiano a quelle che volano.

DI BRUTTO Volume Uno verrà stampato in sole 2.900 copie, non ci sarà alcuna ristampa. Se sei uno che di solito dice “va beh, sarà per la prossima volta”, sappilo subito: non ci sarà una prossima volta. DI BRUTTO Volume Uno, oggi o mai più.

Acquistando DI BRUTTO entrerai a far parte di questa famiglia di deragliati, sosterrai Rollingsteel e, cosa più importante, sosterrai un modo nuovo di raccontare le auto, le moto, gli aerei. DI BRUTTO nasce come rivista alternativa, come modo anticonformista di vivere la passione, libero dalle tendenze di mercato e dalle mode: se anche tu sei stanco di trovare sempre le stesse riviste, trite e ritrite, vendute alle case, colme di suv, di comunicati stampa e di auto prive di qualsivoglia velleità, che non ti muovono nulla nel cuore e nelle mutandine, sostieni DI BRUTTO.

Oltre a tutto questo, DI BRUTTO è un progetto completamente indipendente e autofinanziato, con NESSUNA pubblicità. È stampato orgogliosamente a Bologna su carta Sappi Magno Volume, scelta dal direttore apposta per appagare a fondo i tuoi polpastrelli. Non sopravvivere e basta, vivi DI BRUTTO.

NOTA: Preordinando DI BRUTTO Volume Uno allungherai le mani su una delle sole 2.900 copie della prima E UNICA tiratura del magazine. Non ci saranno ristampe. I preordini rimarranno aperti 15 giorni a partire dal 15 marzo 2022, trascorsi i quali avvieremo le spedizioni del volume.

*(le spedizioni partiranno nel giro di due/tre settimane, tempo di stampare i volumi)

E questi li hai letti?

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.