Home » Toyota GR Corolla in arrivo, signori

Toyota GR Corolla in arrivo, signori

de Davide Saporiti

I non appassionati di giappo non condivideranno, ma la Toyota Corolla è un bel macchinino. Il suo problema, almeno fino ad ora, è ciò che abita sotto al cofano, oltre che la sua indole volutamente timidina. Per non parlare di ciò che collega il motore alle ruote: quel maledetto cambio CVT.

Ma sembra che le cose stiano per cambiare. E parecchio. Da qualche tempo, la dea Toyota sta dedicando buona parte dei suoi pensieri a noi petrolhead, regalandoci addirittura un nuovo reparto sportivo (“GR“, da “Gazoo Racing”, per chi si è appena svegliato), che al momento consta di due gran mezzoni – GR Supra e GR Yaris (leggi il SuperTest qui sotto!); ma prepariamoci a dedicarle un ulteriore sacrificio, perché pare che fra non molto la famiglia si allargherà, ebbene sì, ad una GR Corolla.

Toyota GR Yaris Super Test, tanto fumo… ma quanto arrosto!

Lo avevamo annusato già un annetto fa, ma non ne eravamo certi. Ora, però, la rivista giapponese BestCar, che di solito non scrive a vanvera, pubblica qualche rendering di come potrebbe essere la versione incazzurrita della già intrigante Toyota Corolla Sport attuale. C’è anche qualche primo dato tecnico – ancora da confermare, ovviamente, come del resto lo stesso design: 300 cv di potenza e sui 1360 kg di massa a secco. Inoltre, dovrebbe disporre di cambio manuale a sei rapporti, trazione integrale e differenziali vari. Resta da capire se Toyota intenda conservare il super-pompato tre cilindri della GR Yaris o se, invece, opti magari per un quattro (e perché non quello della Supra base..?).

Benché alcune voci parlino di una inversione di ruoli, vale a dire GR Yaris > GR Corolla, con la seconda meno potente e meno costosa a piazzarsi come entry level, viene più facile immaginare che in questa veste sportiva la GR Corolla dovrebbe posizionarsi in categoria Mercedes-AMG A35 e BMW M135i – di conseguenza su una fascia di prezzo di 45.000 euro, a metà fra GR Yaris e GR Supra. Proprio questa è l’unica nota dolente della faccenda, come nel caso della GR Yaris: per quanto non esista altro sul mercato come la piccola bomba a trazione integrale e una GR Supra rappresenti un discreto affare, 40.000 euro per la prima e una media di 70.000 euro per la seconda fra quattro e sei cilindri ci sembrano comunque tantini. Che i cari tedeschi ci frughino nelle tasche spillandoci anche i centesimi con i loro listini da estorsione legalizzata è risaputo, ma ci piacerebbe che i giapponesi non li imitassero…

In ogni caso, l’ipotetico debutto della GR Corolla è per l’estate 2022. Trovarsi di nuovo al volante di una Corolla davvero cattiva sarebbe un bel salto indietro al 1997, quando una certa Corolla WRC scatenava il panico con Sainz e Auriol… dopotutto, ben più recentemente (2018), quelli di Toyota avevano dichiarato che avrebbero voluto rivedere le loro sportive tornare a divertire i loro proprietari e spaventare gli avversari, riproponendo anche Celica ed MR2. Considerata la potenziale futura GR Corolla e le attuali GR Yaris e GR Supra abbiamo comunque già parecchia carne al fuoco, il che dimostra che Toyota non parla tanto per parlare: la casa giapponese sa che, benché il settore delle sportive sia sempre più impegnativo, se affrontato con intelligenza (vedi partnership con BMW) può regalare un utile ritorno d’immagine.

E questi li hai letti?

2 commenti

Avatar
Michele Brt 4 Maggio 2021 - 12:42

E c’è pure la GR86 <3

Rispondi
Avatar
Alessandro 4 Maggio 2021 - 18:32

GR Yaris, GR Corolla, GR 86, Supra: è tanta roba. In quest’epoca di macchine tanto noiose da guidare quanto finto-aggressive all’apparenza grazie a finte prese e sfoghi d’aria nonché finti tubi di scarico, dove però puoi ammazzare la noia distraendoti con l’infotainment touch mentre gli ADAS vegliano su di te… meno male che esiste la Toyota.

Rispondi

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.